domenica 9 gennaio 2011

Studiare, serve a qualcosa?




                                                   alcuni libri sul merletto della mia biblioteca
Questo dubbio mi è venuto dopo aver frequentato ( per meno di un mese!) un blog di merletto. Intervenendo in una discussione e scrivendo che è bene studiare, imparare a  lavorare il merletto delle proprie tradizioni  e imparare a disegnare; così si evitano spiacevoli copiature, si valorizza il proprio patrimonio culturale eccetera...  Una gentile signora molto "calorosamente" ha tentato di farmi cambiare idea rispondendo , tra l'altro, che non serve studiare, che è sufficiente saper merlettare, che i diplomi servono a niente in quanto lei - non diplomata - ha avuto come allieve diplomate della Scuola Merletti di Gorizia. A nulla è servito rispondere che è normale che anche un diplomato vada ad imparare tecniche da chi ne sa di più, specie, per noi del Friuli Venezia Giulia in quanto non abbiamo per tradizione merletti a torchon, nè vlacka, ne Blonda... Lei è rimasta sulle sue idee portando ad esempio il disegnatore Rosendo Condis, che disegnava senza aver il diploma... domanda: possiamo immaginare oggi uno stuolo di Condis? Io invece pensavo all'importanza fondamentale del disegno...agli innumerevoli disegni e progetti ai quali ho dedicato ore della mia vita....



alla fine sono rimasta della mia idea: studiare serve, e molto, e come esempio porto il merletto ceco, con le sue "testine" , "damine", fiori tridimensionali... che ora tutti amano e ripetono: se anche le merlettaie-disegnatrici ceche avessero ragionato come la signora sarebbero ancora a questo ...

... o sarà perchè il merletto è materia scolastica e, non ne sono certa, universitaria?

18 commenti:

  1. ¿Como no tener curiosidad por lo que se esta haciendo,aprendiendo o simplemente viendo? ¿Como lo hicieron otros?...
    Quien no se hace preguntas no busca la respuesta.¡Es una pena!
    Cuando yo estudiaba dibujo y pintura, a pesar de hacerlo como hobby mis profesores eran universitarios. Seguramente habria pintores de igual valia artistica que no habian seguido una enseñanza reglada no tenian un titulo y no podían enseñar.
    La enseñanza del encaje bolillos es distinto,hay profesoras que nunca han hecho un patrón, ni tienen en menor interes por documentarse sobre el encaje.Son como aquellas madres que les enseñaban la técnica a sus hijas de forma rutinaria.
    Por eso internet es un arma tan poderosa, poco a poco se van adquiriendo conocimientos de una forma suave,rudimentarios sí, pero que son como una droga siempre se quiere más.
    Estudiar siempre, he intentar motivar a los otros para que lo hagan.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. ¡Querida Marisa, hablar de encaje con seriedad es muy peligroso, mejor hablar del diablo!Sólo para haber defendido la Escuela Encajes de Goricia, su buena preparación de base, me he han dado idiota.Aunque he dejado la Escuela en el 2006 por un trabajo "demasiado" parecido a uno mío, estoy agradecida para la preparación que he recibido. Escribir que es mejor hablar de lo que se conoce bien, que el "maestro" también debería abrir la mente y no solo insegnar a entrelazar el hilo, que es mejor aprender a dibujar de modo que no tener que trabajar sobre los viejos pattern, Explicar a una señora española, que enseña en Italia, que justo burlar a las bachilleras de la Escuela porque se han dirigido a para aprender otras técnicas, torhon, Blonda porque nosotros tenemos otra tradición. Cuando he sugerido que es mejor trabajar sobre el propio encaje, mejóralo, y estar orgullosos de la misma cultura la gentil señora lo ha interpretado como desprecio hacia el encaje español..Imagino que estuviera muy preocupada y creído que tuve intención de enseñar allí, donde ella ha propuesto un curso de encaje de Cantù...La discusión estaba degenerando, con pequeños ataques sobre la "modestia" de quien tiene un sitio y quién no... ha degenerado, y cuando he preguntado de ser borrada por el blog, la gentil señora ha publicado ésta: -Solo digo que no me sorprende el comportamiento de esta persona,no te maravilles...
    Conozco a casi todas las encajeras y no podia haber terminado de manera distinta.
    Esla tipica persona que o le lames el culo (perdonad la expresion) o no te frecuenta. –
    Increible, Incredibile,un' injuria de denuncia penal, escrita por una maestra encajera en un gran blog.
    Este, querida Marisa es el "encaje expresión del alma" , de una senora maestra che non conozco

    RispondiElimina
  4. Maria, I just want to let you know I have closed my blog for awhile, and it isn't visible to anyone. Thank you for all your nice comments and for following...I hope you have a great 2011!
    Stella xx

    RispondiElimina
  5. Thanks Stella, a happy year to you too

    RispondiElimina
  6. Creo, María, que como en todas las sociedades en esta de las encajeras hay envidias y sobre todo mucha ENVIDIA, que no es lo mismo...Ahora se vive una época en la que todo vale para la mayoría, pero esa minoría que queda es la que marca distancia en todo, educación, cultura, arte, relaciones en los grupos...en fin. Quien no ha estudiado no valora lo que se puede aprender con el estudio, así que le vale cualquier cosa....ahora bién, nunca estarán a la altura de personas como Iva Proskova, Kumiko, María Bissacco, Ida Guilherme...y algunas, muchas por suerte, más. Verdaderas damas del encaje, Señoras en una palabra,por sus mlutiples valores entre los que está el Encaje de diseño propio, pues han dedicado parte de su vida al estudio del Encaje, Dibujo, y otras disciplinas complementarias.
    No es que yo sea clasista, ni mucho menos, tengo mucho respeto por quien no ha podido estudiar, o no ha nacido en una famila de abolengo. Pero la mala educación y la jactancia de lo que no se posee y se actúa como si se poseyera con menosprecio para quien sabe que es superior, me produce repugnancia.
    Una vez más te reitero mi admiración por tu obra y por tu persona.
    Estás en la élite del Encaje, y eso la incultura no permite valorarlo sin sentir ENVIDIA, que invade cualquier pensamiento positivo.
    Estás en una órbita distinta de ese grupo y sus componentes, sin excepción.
    No he leido todos los comentarios de este tema, pero hay cosas que no merecen mi tiempo, tan preciado en este momento. Como el autor tampoco lo amerita, lo dejaré para cuando no tenga mejor cosa que hacer, que seguro que tardará años...
    Un abrazo, y buen trabajo, emocionante como siempre, único!

    RispondiElimina
  7. la mayor dificultad está en el concepto "intelectual" de encaje. Claro, cada uno de nosotros hace lo que cree mejor y le gusta de. Comprendo muy bien que a alguien bastos ejecutar un marcalibros, otros una flor, que sean personas que no tienen a ninguna gana y tiempo para meterse en serio al trabajo con lápiz y regla. Lo grave es que el diálogo inicia bien pero cuando tocas el dibujo, las copias, el enseñar no sólo el enredo del hilo... ¡se acaba tirando los calzoncillos!

    RispondiElimina
  8. Gentile Maria Bisacco:
    Sono la persona della discussione in questione,e come tu inesattamente dici io SONO DIPLOMATA!
    Mi riferivo ad altre persona che hanno lavorato per me per degli anni e non hanno alcun diploma.
    Non ho discusso con te,perche non spreco parole con cui non ho nessun interesse,ma non sei l'unica che ha preso un diploma.
    La prossima volta leggi bene,e nel tuo inmenso erudismo,le lingue ovviamente non sono il tuo forte.
    Se non capisci la lingua,evita di andare su posti che non sei in grado di capire.

    RispondiElimina
  9. Megio uno stuolo di Condis,che uno stuolo di Bisacco...

    RispondiElimina
  10. Gentile Signora, pubblico violentieri il Suo commento. Vede, Lei può scrivere ora quello che vuole ma io ho le copie della corrispondenza intercorsa. La più interessante ed ecaltante è l'ultima,di cui ho riportato solo una parte, per rispetto della privacy, di quello che Lei ha scritto in spagnolo. Forse Lei ha conoscenza di quelle stanze, dove ci si dedica ad altre , immagino piacevoli attività che non il merletto, io no, e Le ricordo che una affermazione simile è passibile di denuncia penale. Stia tranquilla, non lo farò, ho cose più importanti da fare. Considero chiuso l'argomento ma se vuole continuare a scrivere insulti lo faccia, non ho nessun problema a pubblicarli ho attivato il moderatore solamente per avere una cronologia. Grazie, gentile Signora e tanti successi.

    RispondiElimina
  11. Megio uno stuolo di Condis,che uno stuolo di Bisacco...
    Ecco, vede? Qui ha sintetizzato il Suo pensiero nel migliore dei modi....

    RispondiElimina
  12. gentile signora:
    denunci pure....cosi fa l'enesima figura(li devo ricordare quello di Sansepolcro?)
    Comunque tanto schifo non li devono fare i nostri lavori,visto che ha fatto delle foto e le ha anche pubblicate senza consenso.
    Non mi sembra che a Valtopina lei mi abbia chiesto il permesso di fotografare,eppure dei miei lavori sono nei suoi album.
    Piutosto che sparare pernacchie,che tutti siamo bravi a parlare,dimostri quello che dice.
    Quando vuole si può mettere davanti il mio tombolo e continuare il mio lavoro,ma questo lei non lo farà...perche non è alla mia bassezza.
    Dimostri che non ha paura e che e superiore a tutte noi...lavori su un mio lavoro,fino che ciò non accadrà non muterò opinione verso di lei.
    Comunque li consiglio che prima di denunciare farsi tradurre quello che ho scritto da uno bravo.
    Mi meraviglia che lei tanto dotta e tanto impegnata riesca a perdere tempo con queste idiozie,evidentemente non nha molto da fare.
    Purtroppo io sono tanto impegnata a imparare che non ho tempo per queste cose.
    La prego almeno di averer il buongusto di non mettere fotografie di lavori altrui,ripeto,fatte senza permesso.
    Aspetto....
    Con questa la saluto e do ragione a chi mi aveva parlato di lei.

    RispondiElimina
  13. Gentile signora, come vede continuo a darLe spazio anche se menziona il mio caso di Sansepolcro, con grande signorilità e, immagino, competenza. Fatti personali dei quali Lei non può sapere nulla, fatti che sono arrivati fino allla Presidenza della Repubblica ma che sono PERSONALI in quanto Lei non ne è coinvolta. Abbia il buon gusto di restarne fuori. Il commento sotto la foto pubblicata in Picasa sulla manifestazione pubblica di Valtopina mi sembra positivo, anzi molto gradito! Comunque ho provveduto a modificare la foto, così potrà dormire in pace. Sinceramente non so come rassicurarLa: non la conosco, non mi interesso del Suo settore del merletto, non insegno nulla di quanto sa Lei, le sfide a "tombolate" non mi interessano, le dò spazio e modo sfogarsi e continua a darmi dell'idiota ... ma scusi, cosa vuole?

    RispondiElimina
  14. Maria, que maravillosos trabajos tienes...
    solo hay que abrir algunos de tus trabajos para ver que eres una gran artista!! Creo que no tienes nada que demostrar, y por lo tanto no lo tienes que hacer
    Una buena profesora se ve por el trabajo de sus alumnas.....
    ENHORABUENA!!!!
    besos amiga!!!

    RispondiElimina
  15. Mi piacerebbe che lei ci desse un taglio e che non continuasse a riempire i suoi blog raccontando falsità,visto che non li puo riempire dei suoi lavoro.
    Immaginavo che la sfida "tombolara" nan l'interessava....ma se non sbaglio e lei la "maestra merlettaia" o no?
    Ha paura di una semplice allieva?
    Lei ha capito male:io non le do dell'idiota,se lo sta dando da sola.
    Spero che lei trovi un'altro hobby che non disturbare alla gente che lavora onestamente.
    Mi spiace ma non posso perdere dell'altro tempo con queste questioni.
    Evidentemente,visto che non fa altro che parlare di questo,lei ha da buttare,io no.
    Io non voglio farla cambiare idea,ci mancherebbe!
    Comunque sappia che con la storia di Sansepolcro,stiamo ancora ridendo,e stata molto divertente.
    Mi aggiungo al pensiero generale su di lei:e veramente insignificante.
    La saluto e le auguro "buone chiacchiere".
    P.S. mi spiace non invitarla al mio "blog",ma sono troppo impegnata a studiare,e inoltre non sono il tipo di farmi bella col lavoro degli altri,perciò non ho nessun blog,ne sito,ne niente.
    Quello che io voglio? mi auguro che lei riempia i suoi blog dei suoi lavori invece che con questo rusco!

    RispondiElimina
  16. Gentile signora pulgarcita, non ho il piacere di conoscere lei ma conosco molto bene la signora Maria Bissacco, e, per quanto questo potrebbe farmi considerare “di parte”, posso garantire che è una persona di grande valore, sempre pronta a migliorarsi, a confrontarsi con realtà nuove e diverse al fine di ottenere risultati eccellenti; ogni anno è impegnata ad accogliere valide merlettaie, soprattutto straniere, ospitandole nell’ambito della mostra di Valtopina, evento che la vede tra i collaboratori, favorendo così l’interazione e lo scambio culturale con quelle merlettaie italiane che altrimenti non avrebbero modo di confrontarsi con le realtà oltre frontiera. Personalmente frequento Maria ormai da diversi anni e, sin dai nostri primi incontri, ho avuto modo di constatare quanto tenga all’originalità del proprio lavoro e quanto rispetto abbia del lavoro altrui. Pertanto, leggo con grande disappunto le sue parole. Ritengo che le discussioni, in qualunque contesto, debbano essere civili e mai offensive, ma soprattutto nell’ambito di una passione comune dovrebbero essere improntate alla condivisione ed essere costruttive. Dalle sue righe emergono solo insulti verso Maria nonché una sottile canzonatura nei riguardi delle appassionate del merletto che non hanno conseguito un diploma, ma che, ritengo, siano in grado di eseguire un merletto egregiamente grazie alla loro volontà di documentarsi, applicarsi e relazionarsi. Concludo facendole notare che sarebbe meglio evitare di tacciare qualcuno di ignoranza, come lei definisce Maria nelle lingue, quando non si è in condizioni di esprimersi correttamente in italiano e si rischia di incorrere in imbarazzanti svarioni come l’ “immenso erudismo” da lei esibito nel suo scritto.
    Cordialmente, Liana

    RispondiElimina
  17. Credo che la polemica si può chiudere qui. A mio avviso, questo sterile dibattito che ha permesso democraticamente alla Signora di esprimere le Sue interessanti idee e piacevoli insulti a livello personale, non ha portato nulla di più a quanto già si sapeva: il merletto può essere una espressione artistica o un piacevole passatempo. Dipende dalle singole persone renderlo tale.

    RispondiElimina